la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

venerdì 3 febbraio 2017

Marmellata di clementine contro il mondo brutto

Io sono tanto preoccupata per la piega che stanno prendendo le cose negli Stati Uniti sotto la guida di un bambino cresciuto (male) e pieno di soldi che gioca a fare il capetto del mondo, e sono preoccupata per il resto del mondo, visto che purtroppo l'America non è il Liechtstein. Da un paio di settimane, la prima cosa che faccio è aprire il blog di Silvia che ci aggiorna direttamente da San Francisco; lo apro con una sensazione che oscilla tra il bisogno di sapere e il terrore per quel che potrei sapere (e la gratitudine per Silvia per il lavoro che sta facendo). E quando è così vorrei scrivere qualcosa di utile, vorrei dire qualcosa di intelligente, ma tutto mi pare scontato o già detto. Per di più mi prendono quei momenti in cui mi appare tutto già troppo compromesso, mi pare ci siano così tante mele marce che è impossibile tirare fuori quelle buone. Sento o leggo certi commenti che fanno cadere le braccia quando non fanno venire la pelle d'oca. Ma piuttosto che deprimermi inutilmente e darmi per vinta, giro un attimo la testa dall'altra parte, non per vigliaccheria, solo mentre mi torna un po' di fiducia nel mondo e di voglia di lottare. Così qualche giorno fa mi sono girata dall'altra parte e ho visto un sacco pieno zeppo di clementine che qualcuno che mi vuole bene ha raccolto dal proprio albero per me. In parte stanno finendo nelle spremute mattutine, ma l'ansia che possano deperire prima di essere state consumate tutte, il fatto che le mie marmellate preferite sono quelle di agrumi e la confettura di amarene di mia madre e la voglia di preparare qualche conserva mi hanno spinta a mettermi all'opera.
Il libro da cui ho preso ispirazione è questo qui a destra, è arrivato in libreria prima di Natale e ci ho trovato tante ricette interessanti di conserve dolci e salate. L'autrice è una blogger che da anni si occupa di cucina e cosmesi naturale e di vita a...meno impatto possibile! Dico che ho preso ispirazione perchè è vero che ho seguito la ricetta passo passo, ma ho cambiato le dosi e, a giudicare dal risultato, direi che non ho fatto male!
Ingredienti per 6 barattoli:
1, 200 kg di clementine (i suoi erano 1 kg)
750 gr di zucchero di canna (contro il suo kg)
2 l di acqua
Procedimento:
Lavare e sbucciare le clementine (ovviamente biologiche, chè la marmellata di pesticidi non è buona cosa), mettere le bucce in una pentola con i 2 litri di acqua, portare a bollore e far cuocere 5 minuti.
Scolare senza buttare via l'acqua e tagliare a pezzettini le bucce (quanto mi piace incontrare le buccine nelle marmellate di agrumi!).
Separare gli spicchi delle clementine e tirare via i filamenti bianchi. Se sono mandarini, e quelli della ricetta originale lo sono, togliere i semi (viva le clementine!).
A questo punto, mettere nella pentola gli spicchi, le bucce, lo zucchero e tre bicchieri dell'acqua di cottura delle bucce, portare a bollore e lasciar cuocere finchè la "prova piattino" non vi dice che è cotta. La mia ci ha messo un'ora circa. Io a questo punto ho dato una facoltativa leggera frullata, in modo da renderla cremosa ma senza negare il piacevole incontro di qualche pezzetto.
Ah, nel frattempo avrete sicuramente sterilizzato dei barattoli di vetro con i relativi coperchi, facendoli bollire in acqua per una mezzora oppure avendoli tenuti per lo stesso tempo in forno a 100°. Fate in modo che siano ancora caldi quando la marmellata è pronta, riempiteli e lasciateli raffreddare a testa in giù, in modo da creare il sottovuoto.
sì, l'etichetta è un po' natalizia ma avevo solo quelle...
Gustate a colazione o a merenda e regalatene agli amici :)
Fatto ciò, il mondo si mostrerà magicamente meno brutto e diverse possibilità di salvezza appariranno realizzabili.
Buon weekend a voi!

16 commenti:

  1. Adoro le clementine... pensa che le ho scoperte solo per caso... un giorno un collega mi dice, prendine una.. e io gli faccio:"No grazie, non mi piacciono i mandarini" "Ma queste sono clementine..tutta un'altra cosa..."
    Non smetterò mai di ringraziarlo!! mo' provo a falla la marmellata va'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci sono andata sotto alla marmellata :D

      Elimina
  2. La fa mia madre, è buonissima!! **

    Moz-

    RispondiElimina
  3. La prima parte del post avrei potuto scriverla io paro paro,.la seconda avrei potuto mangiarla

    RispondiElimina
  4. Che bello il nome della tua ricetta! Tienimi un po' di marmellata per quando finalmente riuscirò a venire a Bologna :-)

    RispondiElimina
  5. Anche a me piacciono molto le marmellate di agrumi, questa credo sarà buonssima ... e di sicuro di farà dimenticare tanti cattivissimi della Storia, ma anche, purtroppo, della cronaca, almeno per lo spazio della colazione/merenda.

    RispondiElimina
  6. Fatta anche qui proprio ieri. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo decisamente in sintonia! ;)

      Elimina
    2. Brava Cri, vedi vedi a girare la testa cosa è saltato fuori! Prendo nota e vado a curiosare sui blogger che hai segnalato.
      Grazie come sempre

      Elimina
  7. La politica di Trump forse verrà fermata da tanti piccoli grandi soggetti che si metteranno di traverso per fermare la macchina presidenziale. Vedi solo adesso quel magistrato a proposito del divieto di ingresso negli USA per quei 7 Paesi. Nel frattempo un assaggino di quello che hai preparato :-))) ?

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)