la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

lunedì 17 settembre 2012

Pulire la casa: la scoperta dell'acqua calda...e dell'aceto

Ho aperto questo blog perchè avevo voglia di condividere la ricetta del mio detersivo per i piatti.
Da allora non ho scritto molto altro sull'autoproduzione di detersivi, ma ciò non vuol dire che per il resto delle pulizie io continui a utilizzare prodotti chimici, semplicemente per gli altri prodotti non ci sono vere e proprie ricette, e scrivere un post per dire "mescolate acqua e aceto e pulite il forno" mi sembrava un po' riduttivo. Quindi ho deciso di riassumere le mie nuove tecniche per la pulizia della casa in questo post.

Con una soluzione di acqua (4 parti) e aceto bianco (1 parte)  ci pulisco vetri e specchi; lo uso come il prodotto classico per i vetri: spruzzo e ripasso con un panno di cotone.
Con la stessa soluzione pulisco il piano di cottura e il resto delle superfici della cucina. Viene tutto lucido e pulito.
Se però mi capita di usare del succo di limone per cucinare, tengo i mezzi limoni spremuti e ci strofino le suddette superfici: altro che brillantante, ci si può specchiare sul mio lavabo!
Sempre con acqua e aceto pulisco il forno. Quello del forno è il caso in cui sono sempre stata restia a usare i prodotti chimici: ho sempre avuto paura che particelle tossiche restassero nell'aria e si diffondessero poi con il calore, contaminando il cibo cotto successivamente (d'altronde, se avete in casa un prodotto specifico per il forno fate caso a quanto si raccomanda vivamente di risciacquare bene!). Se il forno è caldo si pulisce più facilmente, quindi cerco di farlo dopo averlo usato, così da non dover accenderlo appositamente, altrimenti uso acqua calda nella soluzione detergente.
Tornando un attimo ai piatti, un paio di dritte. Quando cucino la pasta tengo l'acqua per lavare i piatti: ne avevo letto diverse volte ma sono sempre stata un po' scettica, invece funziona davvero! L'amido contenuto nell'acqua deterge e lucida che è una meraviglia, e per di più l'acqua è già calda ;) Non so se sia necessario, ma nel dubbio io risciacquo. Per scrostare lo sporco difficile, invece, metto a bollire la solita soluzione di acqua e aceto e tutto viene via che è un piacere!
In lavastoviglie, uso l'aceto come brillantante, mettendone un po' nell'apposita vaschetta.
Per pulire il bagno mescolo del bicarbonato a un po' d'acqua, fino a ottenere una crema densa, strofino tutte le superfici e risciacquo: tutto è pulito e igienizzato! A volte aggiungo anche una goccia di olio essenziale di lavanda, così oltre che pulito è anche profumato.
Per i pavimenti, essendo i miei di legno, uso semplicemente acqua tiepida.
Uso infine l'aceto anche come ammorbidente quando lavo lana o spugna, ne aggiungo un tappo pieno all'acqua del risciacquo, l'ho imparato da mia nonna.
Precisazione: per quanto l'aceto abbia un odore alquanto forte, questo sparisce dopo pochi minuti dalle superfici, mentre ai vestiti non si attacca affatto.
Quando uso l'aceto, aggiungo un po' di bicarbonato al detersivo per la lavatrice, come anticalcare.
Ora vi chiederete: "sicuramente hai anche prodotto un detersivo per il bucato!" No. Ho letto tante ricette, ho fatto qualche esperimento ma nessuno mi ha mai soddisfatto, vuoi per la consistenza, vuoi per i risultati del lavaggio, e quindi ho smesso di sprecare ingredienti e corrente elettrica e per ora ho rinunciato, vado avanti con il detersivo eco alla spina.
Ah, per spolverare uso un panno in microfibra o una pezza umida.
Per profumare gli ambienti, uso dei diffusori di essenze con la candelina: mescolo a pochissima acqua qualche goccia di olio essenziale di lavanda, oppure di eucalipto che è antisettico, o di limone che pare essere particolarmente efficace contro l'odore di fumo (eh sì, girano cartine e tabacco da queste parti). Ad ogni modo, vi potete sbizzarrire con le profumazioni che più vi piacciono, l'importante è comprare gli oli in erboristeria per essere sicuri della loro naturalità. Conviene in ogni caso alternare, onde evitare sensibilizzazioni.
Qualche piccolo accorgimento. L'aceto e il limone hanno una componente acida, il bicarbonato ha una componente basica: usati miscelati si annullano gli effetti degli uni e dell'altro.
Miscelati a una componente acida, gli oli essenziali perdono le loro proprietà, tenendo però intatta la profumazione.

Insomma queste sono le mie risposte alle martellanti pubblicità di detersivi e detergenti, al terrorismo psicologico che tentano di farci mostrandoci aberranti mostri chiamati batteri che ogni giorno attentano alla nostra incolumità e a quella dei nostri cari, alla continua creazione di bisogni indotti che in realtà rispecchiano solo i bisogni di produttori e venditori che non tengono certo a cuore la nostra salute o quella dell'ambiente.
La mia casa è pulita e profumata e l'aria che vi si respira è sana, se non ci credete...venite a trovarmi!

17 commenti:

  1. Ci credo eccome, perché anch'io faccio proprio come te! Ho solo da aggiungere, per la biancheria in lavatrice le noci lavatutto con le quali mi trovo benissimo: panni puliti e anche profumati, ma di un profumo naturale (niente a che vedere con quel fortissimo odore di detersivo che non posso proprio più sopportare, neanche quando viene dai panni... della vicina).
    Ottimo post! Sempre utile ricordare di tanto in tanto anche ciò che ormai ci sembra scontato (ma che, a guardarsi intorno, non lo e' affatto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, infatti mi chiedevo proprio se per caso non fosse scontato poi solo per me: in realtà ci sono tante persone che non ne hanno idea, almeno tra quelle più giovani, perchè le nostre mamme e soprattutto nonne lo sanno eccome!
      Ho sentito opinioni diverse sulle noci, a questo punto, se mi dici così, le proverò!

      Elimina
  2. brava! Io credo che tanto scontato non sia. Anche io seguo poche, ma semplici regole, ma non è facile far capire al mondo quanta differenza possiamo fare. Per il bucato ho provato le noci saponine, ma, nel tempo, non mi danno una grande soddisfazione... anche se ci avevo dedicato un post http://ecodieli.blogspot.it/2012/01/frutto-che-lava-lava-via-linquinamento.html
    Da poco ho scoperto la lisciva in polvere. economica ed ecologica. da provare!
    eliecosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eli per il tuo consiglio. Avevo letto della lisciva ma non ho mai approfondito, lo farò e chissà che con un metodo o l'altro riuscirò a eliminare anche l'ultimo detersivo che ancora acquisto ;)

      Elimina
  3. Io per i piatti uso un pò di detersivo per i piatti mescolato ad aceto e... Vado un amore! Anche per la cabina doccia uso l'aceto... Per i vetri... Proverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova, non ti deluderà e potrai eliminare l'ennesimo acquisto :)

      Elimina
  4. Una mia amica fa il detersivo per lavastoviglie, non l'ho ancora provato, lei dice che e' fantastico. Se vuoi ti passo la ricetta.
    L'aceto lo uso tanto anche io per le pulizie, mi trovo benissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, i metodi della nonna resistono anche in America ;)
      Sì se ti va scrivimi la ricetta della tua amica in un commento o in una mail, la provo volentieri!

      Elimina
    2. Scusa se non ho risposto subito, aspettavo che la mia amica rispondesse.
      Questa e' la ricetta:
      una parte di Borax (credo sia il perborato di sodio, qui si trova nei supermercati)
      una parte di bicarbonato
      un quarto di parte di sale
      La mia amica dice che funziona una meraviglia.

      Elimina
    3. Grazie cara, lo proverò sicuramente, anche perchè pensavo di comprare il perborato di sodio per un altro detersivo, vuol dire che è proprio ora che me lo procuri!
      Un bacio oltreoceanico :)

      Elimina
  5. Da poco applico anch'io questi sistemi per pulire. Con altre amiche ne discutiamo in un gruppo Facebook: Mestieri e parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilu, vi vengo a cercare ;)

      Elimina
  6. Da poco seguo il suo blog. Un po' alla volta leggo i suoi post.
    Per adesso ho seguito il consiglio per pulire i vetri. Brillantissimi e senza aloni. Brava.
    La seguirò.
    La madame

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fanno immensamente piacere le sue parole, soprattutto perchè i miei consigli le si sono rivelati utili. Benvenuta!

      Elimina
  7. Ciao Cri, bel riassunto!
    anche io faccio come te, più o meno per tutto.
    Ultimamente ho letto che in lavatrice l'aceto rovinerebbe la macchina, sarebbe da sostituire con acido citrico. Io credo che ci proverò.
    buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre contenta quando conosco qualcuno (purtroppo ancora pochissimi) che usa questi metodi, meno inquinamento e intossicamento :)
      Non sapevo di questa cosa della lavatrice, ma in che senso la rovina? è pure anticalcare! Fammi sapere come va l'esperimento con l'acido citrico, buona serata a te :)

      Elimina
    2. Purtroppo non so dirti come funziona e nemmeno se è vero che rovina la macchina lavatrice.
      Per l'acido citrico vedrò tra qualche tempo, non subito.
      ciao!

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)