la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

sabato 5 dicembre 2015

La lotta No Tav non fu terrorismo: l'ha detto la Cassazione

Semmai ci fossero ancora dubbi o ce ne fossero mai stati, ci ha pensato la Cassazione a scioglierli: l'incendio di un compressore non c'entra nulla con il concetto di terrorismo.
In sostanza, è quanto ha risposto al ricorso presentato dagli avvocati Rinaudo e Padalino nei confronti di alcuni attivisti No Tav che, come altri di cui avevamo già scritto, avevano compiuto azioni di sabotaggio contro la costruzione della linea alta velocità Torino-Lione.

E va beh che in questo Paese la giustizia spesso va un po' dove le conviene pare, ma evidentemente quando è troppo è troppo, e qui si stava davvero rasentando il ridicolo, oltre che attuando una vera e propria persecuzione. Persecuzione fatta di continui screditamenti, di tentativi di far passare per violenti, facinorosi e sì, terroristi, uomini e donne che stanno semplicemente ed encomiabilmente difendendo la loro terra, anzi la nostra terra, dai tentacoli viscidi di politici e imprenditori che, continuo ad augurarmi con tutta me stessa, dovranno arrendersi e andare a cercare di arraffare altrove.

La notizia completa la trovate su www.notav.info

E con questa buona notizia vi auguro un fine settimana riposante, entusiasmante e caldo almeno nell'animo, che sulla temperatura esterna non si  può certo contare in questo periodo. E se poi il vostro weekend è pure lungo, buon per voi, godetevi il ponte! Cosa che farò anch'io, nel senso che lunedì, ma giusto lunedì, sarò a casa da lavoro :)

12 commenti:

  1. io mi auguro che il diritto all'autodeterminazione di un popolo, a salvaguardia del suo territorio, abbia un buon esito ma tremo sempre dove gli interessi economici sono tanto grandi

    RispondiElimina
  2. be', almeno stando nei confini nazionali qualche buona novella c'è. E'così raro sentire che la giustizia trionfa..e invece dovrebbe essere una cosa normale..
    Grazie Cri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, una cosa normale invece pare siano abusi, soprusi e giustizia 'ad personam'..

      Elimina
  3. Sì, lo sapevamo già, ma che ci siano arrivati anche i giudici è una bella notizia (e non era scontata).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo proprio per niente lo era!

      Elimina
  4. E intanto riparlano del Ponte sullo Stretto... le battaglie non finiscono mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, speriamo che abbiano solo ricominciato a parlarne e si fermino lì, anche se di danni 'sto benedetto ponte ne ha già fatti in abbondanza. Pensa che in Calabria c'è una specie di ponte di cemento lungo svariati chilometri che è stato costruito per proteggere la linea ferroviaria dai lavori per la costruzione del ponte... Ora i lavori non sono mai cominciati (per fortuna), ma questo lungo e inutile obbrobrio architettonico costato ovviamente un bel po' di soldi è lì e lì resterà.

      Elimina
  5. Per trovare i terroristi bisogna volgere lo sguardo altrove.
    Tutti sappiamo dove ma non lo diciamo perchè non abbiamo le prove;
    come scriveva PPP http://www.filosofico.net/pasolini.htm

    RispondiElimina
  6. Brava, ottima notizia, ne ho fatto un post pure io. Mantenere i riflettori puntati su questa lotta!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)