la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

martedì 14 maggio 2013

Torta vegana 3 - Plumcake di farro, fragole e cioccolato

La colazione degli ultimi giorni, dopo i bagordi madrileni, consiste in sane tazze di te verde o bianco e pane integrale con poca marmellata, o in ciotole di frutta fresca a pezzi, cereali, frutta secca, semi vari e yogurt, o frullati di frutta addizionati con il saporitissimo zenzero...tutte cose buonissime, ma a un certo punto mi è venuta voglia di infornare qualcosa...e allora mi sono detta: perchè non usare la frutta più buona di questa stagione e sperimentare una nuova torta "senza"?!
Beh, questo esperimento credo che, per ora, sia il mio preferito!
C'era un profumo di fragole in tutta la casa!!!
Questa volta, per cambiare un po', niente torta ma plumcake; temevo non lievitasse o cuocesse bene nello stampo più alto e stretto, invece è venuto perfetto!

e poi ha questo colore un po' rosino che lo rende molto particolare!

Gli ingredienti sono più o meno gli stessi delle altre torte, solo con meno zucchero, vista l'estrema dolcezza delle fragole, e meno olio.

230 gr di farina integrale di farro,
60 gr di zucchero,
2 cucchiai di olio e.v.o.
una bustina di lievito per dolci,
una ventina di fragole non molto grandi (scusate, non le ho pesate, dovevano essere circa 200 gr),
80 gr di cioccolato fondente (e dai concedetemelo un po' di cioccolato, non resisto a lungo senza!)
acqua.

Mescolare in una terrina tutti gli ingredienti secchi, aggiungere le fragole frullate linsieme a circa mezzo bicchiere d'acqua, aggiungere infine l'olio e il cioccolato a pezzetti. Il composto deve essere molto fluido (non liquido!), se non lo è abbastanza aggiungete acqua, magari passandola nel bicchiere dove avete frullato la frutta, così da non sprecare niente.
Rivestire uno stampo da plumcake di carta da forno oppure oliarlo, versarvi il composto e infornare a 180° in forno ventilato per circa 40 minuti: come dico spesso, ogni forno è diverso e ognuno conosce il suo ma l'infallibile prova stuzzicadenti confermerà la cottura giusta!

Se si vuole un po' sgarrare e fare una cosa un po' meno sana, si può sostituire il cioccolato fondente con quello bianco: non dite in giro che ve l'ho detto io ma con le fragole fa un'accoppiata sublime!

Parliamo piuttosto delle fragole! Che fanno invece un gran bene! Intanto sono particolarmente ricche di vitamine, in particolare vitamina C, utile, come è noto, a rafforzare le difese immunitarie, ma anche di vitamine E, B e K. Anche la presenza di sali minerali è abbastanza consistente: vi troviamo ferro, magnesio, sodio, potassio e calcio; e, per non farsi mancare niente, contengono anche una quantità rilevante di fibre, molta acqua e solo 40 calorie per 100 grammi.
Grazie a questa composizione, le fragole hanno perciò potere antinfiammatorio, rimineralizzante, depurativo e disintossicante per l'organismo (soprattutto se assunte a stomaco vuoto, quindi sono perfette a colazione in una dieta depurativa), e antiossidante. Grazie al contenuto di acido folico, svolgono un'azione rigeneratrice delle cellule del sangue a apportano benefici alla memoria. Inoltre, grazie alla loro capacità di sviluppare serotonina e melanina, esercitano un'influenza positiva sull'umore...e io che credevo mi facessero felice solo perchè mi piacciono tanto!
Inoltre, le fragole sono ricche di acido ellagico, sostanza che pare abbia proprietà antitumorali.
Infine, la fragola è uno dei pochi frutti (a dirla tutta, non sarebbe neanche un vero e proprio frutto ma un ingrossamento della stessa infiorescenza) che possono essere assunti dai diabetici, in quanto lo zucchero che contengono è il fruttosio, che allo stato naturale non è dannoso.

E un ultimo appunto: sarebbe davvero importante scegliere delle fragole biologiche in quanto, insieme a mele, pere e uva, rappresentano il tipo di frutta che, in Italia, è sottoposto al maggior numero di trattamenti chimici, per cui particolarmente ricco di pesticidi estremamente dannosi per l'organismo.


13 commenti:

  1. Sembra davvero ottima e soprattutto "senza" un sacco di cose (ma "con" un sacco di sana frutta!). Nel giro di due giorni è il secondo dolce che mi capita in cui viene usata l'acqua, niente uova né latticini... La provo prestissimo (tanto lo so che i tuoi esperimenti sono super affidabili)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me ultimamente è capitato di vedere ricette di dolci "all'acqua", in effetti è un ingrediente degnissimo e da quando l'ho scoperto il latte non lo compro proprio più (da un pezzo lo usavo solo per i dolci).

      Elimina
  2. Grazie Cri, ottimo spunto.
    È probabile che mi ci cimenterò...
    Io sto impazzendo per le fragole in questi giorni!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io!!! Sono sveglia da mezzora e ho già ingurgitato un mega frullato di fragole e pera :)

      Elimina
  3. Mi fai venire voglia ...pure nella mia colazione il té (rigorosamente verde), non manca mai. Ne ho di tipi diversi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono un'appassionata di te verde, sopratutto quello giapponese (mia sorella mi rifornisce), che non piace a molti, visto il suo sapore di alghe... Però da poco ho scoperto il te bianco, dagli una possibilità, ha un gusto molto particolare e davvero buono!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie Daria! Mi mancavano un po' le tue (per me preziose) approvazioni ;)

      Elimina
  5. Ciao Cri, eccomi qui a ricambiare la visita! Sono stata un po' presa in questi giorni! E il mio primo saluto non poteva essere se non qui, davanti a questo delizioso dolce! Ti metto anch'io nel mio blogroll! Grazie per l'ospitalità! A presto!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Io l'ho fatto anche con le pesche,quindi direi che si possa provare! Se lo fai,facci sapere del risultato :-)
    Buon esperimento e buona settimana

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)