la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

martedì 26 aprile 2016

Ieri e sempre resistenza!

Sì lo so che sono in ritardo per il post del 25 aprile, ma così ce lo ricordiamo anche il giorno dopo, e ci ricordiamo che l'argomento è quanto mai attuale, anche se oggi è 26 aprile, e lo sarà anche domani 27. 
E poi ieri ero impegnata a festeggiare, nel quartiere più resistente della città, quello dove il 26 aprile ci si comincia a organizzare per il 25 dell'anno successivo. Ero impegnata ad ascoltare musica, testimonianze, discorsi, a guardare quanta gente bella c'è al mondo e a sperare che resti così anche per il resto dell'anno.
Il Pratello ieri era così






E si suonava e si cantava




Ci sono proprio tutti



 Anche Mastai c'è, anche se a me manca, da più di tre anni, ogni giorno. Un giorno vi parlerò di Mastai.
Bella la donna col fiore in fronte, anche se sembra corrucciata (sul palco si parlava delle condizioni lavorative attuali...)

Buona Resistenza!


14 commenti:

  1. Viadel pratello è bellissima, ci abitava mio figlio quando faceva l'università, era in una catapecchia ma ci stava bene.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stata anche la prima strada in cui ho vissuto a Bologna. Peccato che, come tanti quartieri popolari, stia diventando sempre più di moda e ora anche la catapecchia in cui viveva tuo figlio costerà come un appartamento in una zona residenziale chic.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Sì! Pensata, sentita e vissuta!

      Elimina
  3. Ciao Cri, belle, bellissime immagini del tuo 25 aprile, hai fatto bene ad essere in "ritardo" visto che nella norma ormai del 25 aprile si parla a malapena il 25... No, in questo periodo storico che ci costringono a vivere passivamente la RESISTENZA è più fondamentale che mai...
    Anche a Pescia organizzavano una festa in piazza e nelle strade, ma noi non eravamo dell'umore, abbiamo preso la strada dei monti in solitudine (anche se poi, nel bosco, non si è mai soli, la Natura è stata una compagna discreta e meravigliosa..), poi verso il tramonto siamo partiti alla volta di Fornacette, per il tradizionale concerto...un'occasione per stare insieme agli amici pisani e risanare un po', tra serio, faceto e Casa del Popolo in cui , tristemente sono apparse le slot... E ci si domanda..ma su quanti fronti ci tocca resistere?!
    Mi ha fatto molto piacere vedere questa bandiera con su scritto "Ucraina Antifascista" perché le molte ucraine che conosco sono donnette superficiali che pensano che il progresso sia un paio di scarpe firmate e una centrale nucleare in Italia e a volte mi fanno prudere le mani...Mi fermo qui, e ti lascio un link di un video con quattro preziose testimonianze: BUONA RESISTENZA, SEMPRE!

    https://www.youtube.com/watch?v=m7jcY7b2kDM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me ha fatto particolarmente piacere la bandiera dell'Ucraina! Ti poni una domanda decisamente interessante: ci tocca resistere su tanti fronti sì, e sarebbe importante, secondo me, imparare a riconoscerli, capire che anche se la seconda guerra mondiale è finita e non stiamo più combattendo contro i nazisti, c'è da lottare e resistere, eccome! È solo il nemico ad essere diverso e decisamente più subdolo.

      Elimina
  4. Bella festa, belle facce, bella ciao!

    RispondiElimina
  5. 25 Aprile sotto tono per me quest' anno, compenso con la meraviglia di quello scorso a Correggio al concerto MATERIALE RESISTENTE 20 15"
    Ho sempre un po' di nostalgia di Bologna "la vecchia signora" e un po' ti invidio, ma solo un po' ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un vecchio cd di Materiale resistente che ascolto almeo una volta al mese!

      Elimina
  6. Il Pratello non è cambiato (anche se dici che si sta infighettando)! L'adorato Pratello! Nostalgia nostalgia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E spero e credo che, per quanto possa diventare cool, la sua anima sanguigna e popolare non cambierà mai!

      Elimina
  7. Aspetto che ci parlI di Mastai..sento che mi emozionero'..
    Bello trovarsi fra persone che hanno gli stessi intenti e che li esprimono con gioia.
    Un abbraccio Cri :-)
    Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nou cara, solo la tua sensibilità poteva cogliere quel pezzettino di post e intuire quanta tanta roba c'è dietro quella frase. Grazie.

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)