la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

giovedì 20 marzo 2014

I semi di glicine: una bomba di felicità!

L'anno scorso, sul finire dell'estate, abbiamo passato un weekend nella campagna toscana e, come vi raccontavo allora, ho portato a casa un discreto bottino verde. Tra i tesori, c'erano anche dei baccelli di glicine.

Io ovviamente nemmeno avevo idea che tutti quei baccelli pelosi che se ne stavano lì penzoloni contenessero i semi del glicine che sarebbe rifiorito l'anno successivo. Men che meno sapevo come funzionasse la faccenda, finchè la sorella di Fra non mi racconta che il glicine sul suo balcone viene proprio da là e mi consiglia di raccogliere qualche baccello, di tenerlo in casa e aspettare...
Io li ho lasciati sulla libreria, guardandoli speranzosa ogni volta che ci passavo davanti: sono una persona impaziente e non vedevo l'ora di veder succedere qualcosa. Poi, col passare dei mesi ho quasi dimenticato che esistessero, ormai facevano parte dell'arredamento...Me ne sono ricordata solo qualche giorno fa, mentre eravamo a pranzo e abbiamo sentito un BOOM!!! e rumore di cose che rotolavano sulle scale. Erano scoppiati due baccelli! Allora è vero! E i semi sono anche belli, grandi come una monetina e belli cicciotti. Il giorno dopo sono scoppiati gli altri due baccelli, e adesso i semi sono pronti per essere piantati. 


Ma quanto è strana la natura?! Ma vi pare che bisogna aspettare un'esplosione? Non so, forse tutti lo sapevano tranne me come funzionasse il glicine, ma io mi sono sentita davvero una bambina felice quando sono scoppiati i baccelli, e mi sento felice ad avere tra le mani questi preziosi semini che finalmente hanno deciso di essere pronti per dare vita a nuove piante. E sono felice perchè tra un mesetto passerà di qua la mia mamma, e come sempre faremo qualche scambio di semi e di talee, e io sono così fiera di questo regalino speciale che le farò!


E sono felice perchè oggi è la Giornata Internazionale della Felicità, e io alle ricorrenze ci tengo! Non è vero che ci tengo, però insomma è un'occasione per ricordarmi che fondamentalmente  non ho niente di cui disperarmi e nemmeno lamentarmi, che gli ultimi sono stati giorni difficili, che mi sono arrabbiata ripetutamente, che mi sono demoralizzata, che ho visto abbastanza nero...ma in realtà non ho nessun problema che non possa essere risolto, ho salute, ho amore, ho un tetto sulla testa e un letto dove stendermi la sera, ho porte dove andare a bussare se sono in difficoltà e orecchie pronte ad ascoltarmi se ho bisogno di parlare. E poi è PRIMAVERA!!! Indi per cui...SIATE FELICI!

22 commenti:

  1. E allora ti auguro un'esplosione di felicità! Non la sapevo questa storia dei semi che esplodono, ma che meraviglia, il glicine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia! Eh sì, se ti imbatti in strani baccelli pelosi penzoloni, ora sai cosa farne :)

      Elimina
  2. glicine e felicità cosa si vuole di più dalla vita?
    quest'anno vado a caccia di bacelli anche io :)

    RispondiElimina
  3. Non sapevo nemmeno io che esplodessero. Beh, è stata un'esplosione di gioia ;)
    La natura vince sempre!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E soprattutto ha più fantasia!

      Elimina
  4. Un'esplosione di semi della felicità per salutare l'ultimo giorno di inverno e prepararsi all'arrivo della primavera.

    RispondiElimina
  5. Che meraviglia questo post, Cri! Una vera esplosione di felicità!
    I semi sono davvero un inno alla vita e fanno un po' di tutto per raggiungere il loro scopo, come dimostra la tua scoperta, immagino. Posso aggiungere che non si compostano facilmente, ma resistono resistono resistono...
    Mi raccomando, facci vedere le piantine quando sarà il momento!
    Buona primavera :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Paola, i semi sono proprio un inno alla vita, sono la vita stessa. Curioso il fatto che non si compostano, non lo sapevo, ma in effetti, a pensarci, sarà una questione di autoconservazione, e per fortuna che è così!
      Certo che farò un post di aggiornamento se nasceranno le piantine, non vedo l'ora :)

      Elimina
  6. Ma sai che neanch'io sapevo la storia dell'esplosione dei baccelli con i semi di glicine? Bellissimo... quando li vedrò in giro li raccoglierò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura neanche tu! Allora ho fatto proprio una scoperta sensazionale :)

      Elimina
  7. Non ne sapevo nulla, ma ora che lo so per merito tuo, non mi darò pace finché non avrò avuto anch'io la mia esplosione :)) Che meraviglia la natura!

    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  8. nella mia beata ignoranza non conoscevo questa cosa. devo procurarmi anch'io dei baccelli o dei semi perchè il glicine "mi interessa", ce lo vedrei a casa mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che fossimo tutti ignoranti rispetto a questa cosa, tranquillo. Persino chi mi ha passato l'informazione l'ha scoperto per caso e con non poco spavento :)

      Elimina
  9. Il glicine poi lo potrai usare anche come ingrediente per l'insalata, tanto lo so che il tuo sarà assolutamente naturale...
    Mi sembra che il vedere nero sia la cosa più normale, mni sembrano molto preoccupanti invece gli stati mentali "tutto rosa" ;)-
    Sul discorso babbo/papà ecco, io quella seconda parola riesco a scriverla ma non ha pronunciarla, se poi chiamassi così il mio babbo, lui (giustamente) mi darebbe un ceffone.. va be'... noi toscani, quante volte ce lo sentiamo dire, ma.. per fortuna che c'è il resto d'Italia ad essere "normale", altrimenti poi che disastro sarebbe, no?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo proverò sicuramente nell'insalata quando sarà pronto!
      Ci ho messo un po' a capire cosa c'entrassero i papà e i babbi col glicine...poi mi sono ricordata del mio commento sul tuo blog

      Elimina
    2. sempre più difficile comunicare in questo mondo blogger...

      Elimina
  10. Bella questa scena, sembra una cosa da film francese, novelle vague, qualcosa di bello giocoso, godurioso verso al vita, la natura... cose così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alli in questo periodo sei proprio in "mood" cinema :) Mi piace molto l'immagine che evochi!

      Elimina
  11. Che bello!!!! Allora ho qualche speranza che esplodano anche i miei!!!! Non vedo l'ora, grazie di questi bei momenti di piccole grandi felicità!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)