la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

venerdì 12 giugno 2015

Torta bravona (che soddisfazione usare gli scarti!)

Bravona perchè è proprio davvero una brava e onesta torta, di quelle che ti danno soddisfazione su tutti i fronti: mentre ci stai pensando lei è praticamente già in forno, è sana sanissima, è strabuona, salva dal pattume scarti che in realtà sono ancora ricchissimi di principi nutritivi!
Vi starete chiedendo cosa mi sono inventata stavolta. In realtà io niente, il copyright è di Daria, per me sempre grande ispiratrice, e io non potevo non provarla appena letto il suo post.
La torta di Daria ha come ingrediente principale gli scarti dei succhi di frutta (per chi possiede l'estrattore) e di centrifugati, che qui consumiamo spesso e volentieri. Da parte mia, avevo in frigo un po' di carote e due mele, che sono finiti, appunto, in un bel centrifugato mattutino e i cui scarti hanno smesso di essere collocati nell'organico accompagnati dal solito sguardo che pare dire "davvero mi spiace tanto buttarvi ma altrettanto davvero non so quale potrebbe essere l'alternativa!" Beh, ora l'alternativa ce l'ho e ve la racconto! È praticamente la stessa della Daria con qualche piccola modifica personale.
Ingredienti (misurati in tazze, giustamente, perchè così uno si regola sulla quantità di scarti che ha da smaltire)
2 tazze di scarti di centrifugato o di estratto,
2 tazze di farina integrale di farro,
1 tazza scarsa di zucchero,
1 cucchiaino raso di bicarbonato,
2 cucchiai di succo di limone,
1/4 di tazza di olio di semi di girasole,
cioccolato fondente a scaglie,
nocciole tritate grossolanamente.

Procedimento
Mescolare in una ciotola gli ingredienti secchi, aggiungere l'olio così da ottenere i "bricioloni" come quando si fa la frolla, mettere acqua quanto basta a ottenere un composto morbido e infine unire il succo di limone, che reagisce col bicarbonato e attiva la lievitazione. 
Cuocere in forno ai classici 180° per una mezzora o finchè l'altrettanto classica prova stuzzicadenti non vi suggerisca di tirarla fuori.
Cercare di non mangiarla direttamente tutta, a meno che non siate in tanti :)

18 commenti:

  1. Aspetta che guardo in frigo...
    Ho gli ingredienti!
    Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora goditela tutta!!!
      Ciao Carla, buon weekend

      Elimina
  2. Il fatto è che invece io non arrivo neanche a fare tutti questi scarti! La mia dispensa è proprio povera ;)- però al solito mi salvo la ricetta e ringrazio te e la creatrice ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, come mi ha detto Daria in un commento, puoi anche semplicemente grattuggiare della frutta senza passare dalla centrifuga, così forse non ti serve nemmeno l'acqua ;)

      Elimina
    2. ottima idea, ho un sacco di grattuge ma zero centrifughe!!!

      Elimina
  3. Bella torta, ottima per riutilizzare gli scarti dell'estrattore!
    Sto pensando di acquistarlo....se lo farò, saprò come utilizzare gli scarti :-)
    Ciao, buon weekend
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho dato un motivo in più per farlo insomma ;)

      Elimina
  4. secondo te senza nocciole rende lo stesso? Se sì alora passo a prendermi la ricetta appenaposso riaccendere il forno ché ora la temperatura me lo impedisce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccola qua, ti aspettavo! Ormai ogni volta che scrivo mandorle o nocciole o noci penso a te :) Certo che rende, anzi l'originale era senza, io le aggiungo solo per far dispetto a te ;)
      p.s. In libreria ieri ho conosciuto una splendida (da ogni punto di vista) Amanda cinquenne

      Elimina
  5. Questa vince un premio anche solo per il nome! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, qualcuno che l'ha apprezzato! Grazie Silvia :D

      Elimina
  6. Incredibile Cri, deve essere ottima pur essndo anche alla mia portata, mi ricorda la torta di pane, fatta quando morti di fame facevamo dopo un concerto...
    Che bel blog allegro e diversificato negli argomenti...
    Mi sono iscritta nei girasoli, anche sperando di trovarlo finalmente 'sto sole che in questi ultimi anni mi è mancato non poco.
    Spero in un tuo gradito ricambio
    Bacio grazie
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella, benvenuta! Buona la torta di pane, l'ho mangiata ma mai preparata, devo farlo, mi piace molto usare gli scarti, soprattutto quando vengono fuori certe delizie! Vengo a trovarti presto, adoro la musica e il tuo blog mi sa che ne è ben imbevuto :)

      Elimina
  7. Ne ero certa che sarebbe stata un successo! Qui non faccio in tempo a farla che è me la richiedono! In pratica se voglio usare gli "scarti" per altro devo tenerli nascosti, altrimenti parte la richiesta! Mi piace l'inserimento delle nocciole, io ci metto a volte anche gli okara del latte di mandorle, giusto per stare in tema recupero scarti! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, interessante l'okara di mandorle sì, tra un po' dovrei averne anch'io, visto che in estate lo faccio spesso!

      Elimina
  8. MMM, ne magerei fino a scoppiare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm, forse allora è meglio se inviti anche qualche amico George, ci teniamo a conservarti integro ancora per un po' :)

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)