la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

giovedì 12 marzo 2015

Gli inuit, Greenpeace e io

Uno degli aspetti positivi del mio lavoro è che mi capitano per le mani libri che mai andrei a cercare nelle mie incursioni da lettrice in libreria. Ad esempio, non vado mai a cercare racconti e testimonianze di scalatori o escursionisti, è un genere che di solito non suscita il mio interesse. Quindi non so bene perchè, accompagnandolo nel suo tragitto dalla scatola allo scaffale, mi sono soffermata sul libro di questo scalatore altoatesino che da trent'anni vive in Groenlandia. Forse mi ha incuriosito proprio il fatto che un italiano viva in Groenlandia da trent'anni. Sta di fatto che me lo sono portata via e me lo sono letto tutto tra autobus e letto.
Ora sapete che, nonostante io legga tanto, raramente recensisco libri, e infatti non sto per farlo. Solo che questo libro mi ha lasciato molto molto pensierosa e volevo condividere con voi le mie perplessità.
Io, onestamente, degli inuit sapevo ben poco, a parte che sono un popolo molto buffo a vedersi, estremamente pacifico e che vive sostanzialmente di caccia e pesca (sì per questo basta l'intuito lo so, dubito che coltivino pomodori...). Probabilmente sapevo anche che era un popolo più o meno in via di estinzione, ma ne ignoravo il motivo, attribuendolo per ipotesi a un certo tasso di emigrazione, ai giovani che non ci stanno a passare la vita in mezzo ai ghiacci, che vogliono "europeizzarsi", che desiderano vedere il mondo e cercare nuove opportunità di lavoro e di vita.
 Invece in realtà i giovani, come gli anziani, stanno bene dove stanno, o meglio starebbero, perchè al momento tanto bene non stanno. Al momento non hanno praticamente di che campare e non è colpa del surriscaldamento globale ma fondamentalmente di Greenpeace e della campagna contro la caccia alle foche. 
Gli inuit della Groenlandia fanno capo alla giurisdizione del regno danese ma sono alquanto autogestiti: non hanno gerarchie all'interno dei loro villaggi, non hanno il senso della proprietà, non si arrabbiano mai, il che potrebbe sembrare anche strano, ma se poi pensi a dove si sono adattati a vivere ti immagini che un certo spirito di abnegazione e tolleranza deve essere insito in loro.
La loro vita è fatta sostanzialmente di caccia, pesca e tanta condivisione. Un'altra caratteristica che li rende ai miei occhi persone davvero belle e felici è che non hanno il senso dell'accumulo: quando hanno bisogno di mangiare vanno a caccia/pesca e, importante, praticano una "caccia ecologica", ossia, una volta che un animale deve morire, ne sfruttano ogni parte, la carne per mangiare, la pelle per cucire vestiti e kajak e, in minima parte, da vendere per procurarsi altri beni di necessità. E se la carne è troppa per essere consumata tutta ne regalano in giro.
Poi, nel 2009, è arrivata Greenpeace e la campagna contro la caccia alle foche, colpevolizzando questa gente per il modo in cui, da millenni, provvedevano al proprio sostentamento in questa terra ostile. Ve lo immaginate questo popolo pacifico che si vede arrivare la gigantesca nave di Greenpeace, gli elicotteri a sorvolare le loro coste e a sentirsi dare degli assassini?
La UE ha dunque posto un divieto generale e indifferenziato di commercio delle pelli, ma come fa questa gente a procurarsi il sostentamento che non sia cibo, ossia, materiale per case e barche, energia, benzina etc.? Il governo danese offre sussidi agli inuit della Groenlandia ma loro non sanno che farsene, non sono abituati a gestire soldi, nè tanto meno a conservare, non capiscono perchè sentirsi colpevoli in un ecosistema perfettamente equilibrato in cui sono inseriti da sempre. E questo li snatura e li deprime, sentimento a cui non erano abituati e che non sanno come gestire, se non spendendo i soldi in alcool e togliendosi la vita per sopraggiunta incapacità di viverla.
Insomma, questa lettura mi ha decisamente colpita, e lasciata perplessa. Chi mi conosce sa che cerco di essere un'ambientalista, che sto attenta a rispettare il pianeta su cui vivo, che ho a cuore la conservazione delle specie animali e sono assolutamente contraria al loro sfruttamento. Chi mi conosce sa anche che ho sostenuto diverse campagne di Greenpeace, ma su questa faccenda sono rimasta a pensare.
È davvero un popolo di 50.000 persone, che caccia solo per il proprio sostentamento (e per sostentamento si intende mangiare per fame non per sfizio, gusto, nervoso e mai più del necessario) e caccia solo esemplari adulti il responsabile dell'estinzione di una specie animale o non sono forse le grosse multinazionali che cacciano in modo massiccio e selvaggio per vendere carni e pelli?
E soprattutto, chi siamo noi per decidere se deve sopravvivere questo cucciolo (che, ripeto, in mano agli inuit diventerebbe adulto e felice)
o questo?
Ci sentiamo buoni e giusti perchè loro lasciano gli animali vivere felici finchè, per la loro sopravvivenza, come in tutti gli ecosistemi tranne quello occidentale che non è più un ecosistema, ne ammazzano uno per sfamare la loro famiglia? In effetti da noi il problema non si pone, noi gli animali che mangiamo li fabbrichiamo direttamente, così non si estingueranno mai.
Non so, se ci si dice amante degli animali bisogna esserlo senza se e senza ma? Le cose non andrebbero contestualizzate invece che essere viste bianche o nere?
Voi come la vedete?





18 commenti:

  1. so che anche gli islandesi ce l'avevano con Greenpeace con motivazioni simili

    RispondiElimina
  2. interessante... anche io non ne so molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ti capitano meno libri per le mani ;)

      Elimina
  3. interessante davvero e credo che tutti noi ne sappiamo molto poco.
    mi sono venuti in mente gli indiani d'america, che cacciavano i bisonti: erano forse meno " ecologisti" di noi?
    Credo che molte volte, nel nostro mondo occidentale privilegiato, abbiamo - a partire da me - travisato molte cose, altre le abbiamo - le ho- interpretate male, altre ancora le abbiamo - le ho - viste solo con i miei occhi ed , a volte, la mia " presunzione".
    Grazie per questo stupendo spunto di grande riflessione Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il commento Emanuela, hai colto perfettamente il senso di quello che che mi ha dato da pensare.

      Elimina
  4. Una riflessione molto interessante. Io che detesto gli integralisti non mi ero (quasi) mai posta il problema che anche gli "eroi" di Greenpeace potessero esserlo. Bisogna sempre tenere gli occhi aperti, insomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh siamo in due a odiare gli integralisti e gli integralismi. Sì, tenere gli occhi aperti e mai "assolutizzare" su niente!

      Elimina
  5. Nemmeno io conoscevo questo aspetto della "macchina" Greenpeace,ma concordo pienamente con te...penso che ci potrebbero essere ben altre ingiustizie in giro nel mondo,di ben altra portata e impatto ambientale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la definizione di "macchina" è interessante...Sulla portata di altre ingiustizie e disastri mi trovi pienamente d'accordo.

      Elimina
  6. No, appunto..noi non siamo proprio nessuno per decidere della vita degli altri e nemmeno degli ecosistemi degli altri...
    Guarda è da ieri sera che ho voglia di piangere, che periodo brutto-brutto e arrivano batoste da tutte le parti...
    perché tutti vogliono distruggere quello che di bello c'è nel mondo?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Serena bella non piangere! Anche se, come sai, comprendo e condivido il tuo sconforto e, come immaginerai, non so rispondere alla tua domanda, se non dicendo cose che già sai! Ti abbraccio

      Elimina
    2. alla fine non ho pianto, o forse si...non ricordo, è che sabato ho avuto l'ennesima conferma (ma ne avevo bisogno?!)di come l'uomo sia un'essere negativo, per se stesso e per gli altri....
      Le devastazioni del vento in gran parte della Toscana hanno fatto danni irreparabili, è brutto dirlo ma per la Natura è stato peggio di un terremoto, una casa la puoi ricostruire, un albero centenario caduto in Italia non avrà mai un successore..
      Riguardo Greenpeace... come sempre niente è come sembra, però se c'è del buono dobbiamo "approfittare" di quello, per il resto pensiamo con la nostra testa e come hai fatto te con questo post non limitiamoci a rimuginare, ma parliamone, scriviamo...
      Brava Cri!

      Elimina
    3. Infatti sì, questo post in particolare l'ho scritto proprio perchè sentivo il bisogno di un confronto. Grazie Serena, il tuo apporto non è mai inutile! ;)

      Elimina
  7. Interessante contraddizione,che nel nostro piccolo (o grande) viviamo anche noi... nel mio ottimismo, mi chiedo: perché non possono vivere entrambi? Di sicuro, nel bene e nel male, Greenpeace è una multinazionale, di sicuro, nel bene e nel male, anche gli inuit sono e saranno sempre di più "cambiati" dalla globalizzazione... c'è da meditare, sì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È questo infatti il punto: la globalizzazione, la massificazione, il decidere che i giusti siamo noi e i "diversi" si devono adeguare. Mi viene in mente il film Tutti giù per terra, quando l'insegnante non capisce perchè i bimbi musulmani non pregano e, per rendere più gestibile l'ora di religione, chiede candidamente "convertiteli, no?"

      Elimina
  8. Sembra un libro interessante che fa davvero riflettere sul mondo di oggi. Santo cielo quanti danni "noi uomini" facciamo, non si finisce mai di scoprirli!!

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)