la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

venerdì 4 luglio 2014

Aggiornamenti dal terrazzo

Questa è la terza estate che passiamo in questa casa, e il terrazzo continua a mutare di anno in anno, così come continua a ospitare elementi ormai fissi.
Quest'anno è molto meno orto degli anni precedenti: le zucchine prendevano troppo spazio e troppa acqua, le melanzane non ci avevano dato grandi soddisfazioni, altri esperimenti come i piselli hanno ancora da essere attuati. Gli unici immancabili sono i pomodori, che hanno già iniziato piacevolmente a nutrirci.
Per il resto metà dello spazio è dedicato alle aromatiche. Per il mio compleanno, il mio amico/fratello Carlo è arrivato con un regalo stupendo: una cassetta di legno colma di piantine aromatiche, con al centro una bellissima bottiglia di birra artigianale, il tutto chiuso da un bel fiocco giallo. Ancora mi sto chiedendo come ho potuto non fotografare quella meraviglia, ma la risposta è che ero impegnata a chiedermi se non avessi forse invitato troppa gente per lo spazio che la sala e il terrazzo offrivano...
Dicevamo, le aromatiche:
il basilico toscano, profumatissimo!
Quello spilungone dell'aneto lì in fondo: era piccino come le altre ma nel giro di qualche settimana è diventato altissimo!
 Il dragoncello e il sedano in un'inquadratura aerea...
Il coriandolo, che è diventato tutto semi e così ha smesso di assomigliare pericolosamente al prezzemolo. Eh sì, perchè abbiamo scoperto l'acqua calda che, mangiato fresco e non mixato ad altre spezie o erbe, il coriandolo ha un inconfondibile gusto di cimice e Fra aveva ormai smesso di usare anche il prezzemolo per paura di non raccogliere per sbaglio del coriandolo!
E questa? Pare salvia...sì, tale "salvia ananas"... Questa mi è arrivata da Firenze, sempre per il compleanno: non so che dirvi, non ho ancora indagato sulla sua genetica, ma toccando le sue foglie, si sprigiona davvero profumo di ananas! Pare sia perfetta nelle macedonie, io per ora continuo a godermi questa meravigliosa macchia verdissima :)
L'erba cipollina, a cui, poverina, non do quasi il tempo di crescere: la metterei pure nel caffè!
 La mia adorata rucola! Che pare sia una gran infestante ma, fino all'anno scorso, la mia faceva pure fatica a crescere nel proprio vaso. Quest'anno invece me la ritrovo felicemente dappertutto!
Un primissimo piano della lavanda, che quest'anno non ho raccolto e seccato: era così bella che ho preferito godermi quella macchia di viola intenso e lasciarla seccare in vaso.
Idem per la melissa, che avrei dovuto tagliare prima della fioritura e di cui, in effetti, faccio gran uso nelle tisane. Ma ha iniziato a fiorire ed era così bella, un cespuglio carico di fiori lilla, che non ho avuto cuore di reciderla. Alle tisane ci penseremo quando avrò finito le scorte dello scorso anno.
 
Anche la calendula era una splendida macchia di colore arancione, ma per lei invece non abbiamo avuto pietà e ce la siamo mangiata di fiore in fiore nell'insalata! Tanto si rigenera abbastanza in fretta, e infatti questi qui sotto sono un paio di nuovi nati.



La menta, finalmente, dopo il rinvaso, è esplosa in tutto il suo profumo! Grande soddisfazione e grandi scorte per tisane e dentifricio.
questa cassetta sulla destra è la sopraccitata cassetta-regalo :)

Anche il timo ogni anno rinvigorisce sempre più, e quest'anno ospita pure una piccola violacciocca, che in effetti sparge da anni i suoi semi su tutto il terrazzo, e per di più, in ogni vaso in cui si insedia cambia il colore dei propri fiori :)

In mezzo a salvia e prezzemolo ci sta pure il gelsomino, nato da una talea della mia mamma, che sta crescendo con nostra grande soddisfazione e con suo delizioso profumo.
L'altra metà del terrazzo è occupata dalle "ciccione". Quello qui sotto, che era una piccola talea tre anni fa, è quello che chiamiamo "l'albero", visto il suo fusto possente, e che qualche volta abbiamo anche simpaticamente decorato per Natale.

 Poi c'è la signora aloe, anche lei cresciutissima e in attesa di essere rinvasata.
L'altra aloe, che pure lei se non le si cambia vaso mi sa che un giorno prende e se ne va, e ha pure ragione. Accanto a lei "le rose", talee cresciute a una velocità impressionante !

In questo vaso largo e basso abbiamo piantato una serie di piccoli cactus, anche loro parte di un regalo di compleanno. Ma come potete notare, c'è un intruso, sapete chi è? Un glicine! Vi ricordate vero dei semi "scoppiati"? ne avevamo piantati quattro, due sono spuntati e stanno crescendo, degli altri due invece nessun germoglio pervenuto. Credo sia andata così: quando ho interrato i piccoli cactus, ho usato terra da vari vasi oltre che terra fresca: evidentemente ci ho svuotato anche la terra di quel vasetto dal seme mai spuntato, che ha dunque deciso di spuntare in mezzo ai cactus. È plausibile secondo chi di voi è più esperto di me?
 Quanto mi emozionano i fiori delle piante grasse!
 Questa è una piccola schiera di cactusini, anche loro saltati fuori da chissà dove ma che mi fanno tanto ridere perchè sembrano un capannello di persone che chiacchierano :)
Manca la borragine, anche lei finita nel piatto e quindi ben poco presentabile, e la portulaca, che non ho dubbi arriverà, come tutti gli anni, spontanea e infestante e tanto buona da mangiare!

E per salutarvi, vi presento un simpatico ospite che ho beccato sulla ringhiera mentre scattavo foto in giro. Non è simpatico? Che faccia c'ha?!


Detto ciò, io mi eclisso per qualche giorno. Il signor padre ci teneva ad avere le sue tre figliole accanto per un compleanno importante, quindi da domani mi godrò gli unici 4 giorni di ferie di questa estate improvvisamente superlavorativa. E che vacanze sarebbero senza mare?! Così, visto che dopo il compleanno del mio papà arriva quello di Fra, perchè non fargli una bella sorpresa e, giacchè siamo da quelle parti, non portarlo a passare un paio di giorni nella stupenda isoletta di Procida?! Zitti però, che lui crede semplicemente che andremo a fare un giretto a Napoli a trovare degli amici!

21 commenti:

  1. Ecco di cosa sa, l'orrido coriandolo! Di cimice! E che bello il basilico toscano, non lo conoscevo. E anch'io ho appena conosciuto la salviananas, forse è un nuovo incrocio? Ma il tuo balcone è un orto botanico!
    Passa una splendida vacanza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passata! Breve ma splendida :)
      Apena ho tempo, mi documenterò su questa pianta ananas (così cme sul basilico cannella, di cui ho sentito parlare...)

      Elimina
  2. quante piante!
    anche io quest'anno ho voluto sperimentare cose nuove, ma non così tante....
    buone vacanze anche da parte mia!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La quantità è data decisamente dalla cassetta-regalo e dal fatto che i miei amici mi conoscono e sanno che, regalandomi una pianta, meglio ancora se commestibile, vanno sul sicuro!
      un abbraccio a te

      Elimina
  3. Il tuo terrazzo è davvero pieno di meraviglie. Anche a me è piaciuto scoprire finalmente di cosa sa il coriandolo e poi anche a me emoziona veder un fiore nelle piante grasse.
    Davvero complimenti una bella passione, ora vado a dare un'occhiata al mio spoglio terrazzo e poi correrò a vergognarmene!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah! Dai corri a prendere qualche piantina, vedrai poi che soddisfazione! Ciao Carla, benvenuta

      Elimina
  4. buoni compleanni, buon mare
    bello e profumato il tuo balcone

    RispondiElimina
  5. Che bello il tuo orto in terrazza, molto estivo, molto fresco, molto profumato. Buon compleanno :)
    Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Xavier, un bacio a te :)

      Elimina
  6. Ma questa è una serra, non un appartamento ;)
    p.s. battute a parte, trovo tutto molto poetico, sia le immagini, sia come le descrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, ma che serra, magari! Grazie per i tuoi complimenti, Alli, arrossisco!

      Elimina
  7. Mamma mia che meraviglia Cri! Non posso immaginare quanto possa essere bello il tuo terrazzo visto dal vero ... :)
    Auguri per tutti i compleanni e splendide vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non immaginare troppo, se no mi viene l'ansia da prestazione :)
      A presto da queste parti!!!

      Elimina
  8. Bellissime. Il verde sul terrazzo è sempre un tocco in più.
    E le piante grasse... mamma mia!! *__*

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah è vero che tu hai una passione per le piante grasse :)

      Elimina
  9. Bel terrazzo e altrettanto le foto .Olga

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)