la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

venerdì 10 agosto 2012

L'orto nel centro commerciale

Da quando sono andata via dalla città per venire a farmi coccolare un po' dalla mia famiglia e dal mare, passo molto meno tempo al pc, sul mio blog e sugli altri, ma come chi mi legge ormai sa, quando leggo una bella notizia non posso resistere alla tentazione di condividerla.
Questa bella notizia l'ho trovata mentre facevo un giro di aggiornamento feisbucchiano, imbattendomi in un post del blog Terra Madre.
La bella notizia si chiama L'orto in Campania, ed è promosso dal centro commerciale Campania di Marcianise (Caserta). Seicentocinquanta metri quadri di orto, progettato da alcuni studenti della facoltà di Architettura e coltivato da alcuni dottorandi della facoltà di Agraria dell'Università Federico II di Napoli. Vi si coltivano per la maggior parte varietà locali di ortaggi, di cui alcune quasi estinte. Vi si tengono laboratori di agricoltura, ma anche di geografia e arte, tenuti da docenti di Slow Food con i ragazzi delle scuole elementari e medie.
E non finisce qui! I 25 punti di ristoro presenti all'interno del centro commerciale, hanno avviato da gennaio del 2011 una raccolta differenziata "ragionata" e, dai rifiuti organici opportunamente trattati, si ricava del compost.

Quindi, una buona notizia dalle diverse facce, tutte belle:
- non dispersione delle risorse ma riciclo, ossia quello che sarebbe spreco di cibo diventa invece risparmio (il compost viene utilizzato per l'orto del centro commerciale);
- "rinverdimento" di uno dei "non-luoghi" per eccellenza: non solo negozi e aria condizionata, non solo vetro e cemento, ma un'area verde alquanto estesa e soprattutto consistente, vera, fatta di verdura, di terra, di coltivazione e non solo di piante ornamentali;
- promozione del biologico, della conoscenza degli ortaggi e della cultura territoriale presso i ragazzi da parte di persone competenti.

Io non vengo spesso qui dai miei, più che altro di solito non resto più di qualche giorno, ancora meno vado nei centri commerciali, per cui non conosco il centro commerciale Campania, ma non è a molti chilometri da casa dei miei, quindi, se riesco a trovare il tempo in questi due giorni che mi restano da trascorrere qui prima di andare al mare, vado a curiosare e magari corredo anche questo post di qualche foto.

Per ora, accontentatevi della bella notizia :)

Aggiornamento: potete trovare le foto qui

4 commenti:

  1. Buona notizia davvero, ce ne vorrebbero di esempi così!
    Se ci vai sono curiosa di vedere le foto.
    Ciao Cri, buon semi-relax.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. iao Ilaria! Forse ci vado nel pomeriggio, sono troppo curiosa anch'io!

      Elimina
  2. Grazie e benvenuta! Anche io ho trovato spunti interessanti dalle tue parti ;)

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)