la citazione del momento

"I medici sono stati chiari. Un altro colpo così non lo reggi. Vuoi morire?"

Ada lo guarda. Dopo tanti anni Amedeo si sente osservato da lei con uno sguardo vero, intelligente. Lo sguardo che aveva tanti anni prima.

"Tu no?"

E per la prima volta dopo tanti anni lei gli si rivolge con una domanda decisa, vera, piena. Non le solite sciocchezze da sbronza, oppure ordini impartiti con ferocia, frasi senza senso biascicate.

"No. Oggi no."

"Perchè?"

"C'è il sole. Voglio veder nascere il figlio di Sonia. Voglio guardare la prossima Champions League. Voglio grattare la schiena a Ginevra. Voglio comprarmi un'altra bicicletta."
Alberto Schiavone - Ogni spazio felice - Guanda

venerdì 7 ottobre 2016

Epilessia o Erri De Luca dixit

Il potere dichiara che il giovane arrestato di nome Gesù figlio di Giuseppe è morto perché aveva le mani bucate e i piedi pure, considerato che faceva il falegname e maneggiando chiodi si procurava spesso degli incidenti sul lavoro. Perché parlava in pubblico e per vizio si dissetava con l´aceto, perché perdeva al gioco e i suoi vestiti finivano divisi tra i vincenti a fine di partita. I colpi riportati sopra il corpo non dipendono da flagellazioni, ma da caduta riportata mentre saliva il monte Golgota appesantito da attrezzatura non idonea e la ferita al petto non proviene da lancia in dotazione alla gendarmeria, ma da tentativo di suicidio, che infine il detenuto è deceduto perché ostinatamente aveva smesso di respirare malgrado l’ambiente ben ventilato. Più morte naturale di così toccherà solo a tal Stefano Cucchi quasi coetaneo del su menzionato.
 
Erri De Luca
 
Epilessia. Non li ferma il senso di giustizia, di cui sono evidentemente totalmente privi nonostante siano addetti a farla rispettare, figuriamoci se li ferma il senso del ridicolo.

13 commenti:

  1. Fermiamoli il 4 dicembre.

    Ho condiviso questo post su google+

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubito li fermeremo anche con la vittoria, ma voterò come te il 4 dicembre. Grazie Berica.

      Elimina
  2. Condiviso anche io
    La triste attalità della poesia di de André

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vera. Sì, la poesia di De Andrè è spesso triste e amara, forse proprio perché attuale come dici tu.

      Elimina
  3. Da non credersi. Ma credono di poterci prendere tutti per il culo? Probabilmente sì, visto che la prossima volta non cambierà niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che, visto che glielo permettiamo, probabilmente no non cambierà niente.

      Elimina
  4. Quante volte hanno assassinato il povero Stefano? ...condivido subito pure io :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si contano più, dopo di lui hanno assassinato la sua famiglia e qualsiasi anche vago concetto di giustizia

      Elimina
  5. Il 4 dicembre sarà un No perché anche la riforma della costituzione è un attentato alla giustizia. È evidente che chiamano giustizia il sopruso e la violenza legalizzata. C'è da aspettarsi di tutto da questa classe dirigente priva di umanità. Dobbiamo ringraziare per questo decenni di disimpegno e deresponsabilizzazione propinati dai governi, dai media e.dal mercato dei consumi senza senso: ecco il risultato... ci siamo dentro.

    RispondiElimina
  6. già la morte "sospetta" di un uomo che era affidato, in quanto detenuto, allo Stato, è un fatto gravissimo, questa giostrina di dichiarazioni una più assurda dell'altra sono uno sputo in faccio a legalità e democrazia

    RispondiElimina
  7. ... ed io che ho sempre pensato che Cristo fosse morto in croce per il freddo.......
    sono sgomenta.
    ho 58 anni (...da pochi giorni...)-
    . Non smetterò MAI di indignarmi e di MANIFESTARE.
    un altro problema è che non vedo più indignazione collettiva e voglia di dirlo a voce alta, di urlarlo .Qualche titolo sui giornali, qualcuno legge, molti no.
    mi aumenta la tristezza, la rabbia. e mi sento uno di quei vecchi che dicono " ai miei tempi...".
    Sì, ai miei tempi si andava in piazza. e non è vero che non si risolveva nulla:ci si ritrovava, si parlava, ci si confrontava e, se non altro si ROMPEVANO I COGLIONI!
    Emanuela

    RispondiElimina
  8. non riescono ad essere umani, non c'è niente da fare il pensiero va a quello famiglia che ogni giorno convive con questo dolore

    RispondiElimina
  9. Forti con i deboli e deboli con i forti......

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)