la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

lunedì 3 marzo 2014

Grazie Mario

Ok che era anziano, ok che aveva fatto il suo e ne aveva fatto tanto e lo aveva fatto egregiamente, ok che tutti se ne vanno prima o poi. Però io ci sono rimasta male lo stesso. Ciao Mario, fai buon viaggio e grazie di tutto, anche di questo:

Chi è il nemico?
Camminai per un po' in silenzio accanto a mio padre, poi gli chiesi: - Papà, perché il nemico è cattivo?
Quale nemico? Il nemico non c'è - disse con forza. - Quello che chiamiamo così è un povero diavolo come me e te che non ha voglia di fare male a nessuno di noi due!
lo non capivo più nulla e domandai:
Ma allora perché si chiama nemico se è buono come noi?
Vidi mio padre impacciato. Capivo che voleva spiegare tante cose e non sapeva
come fare. Si fermò e disse: Tu sei italiano perché sei nato in Italia, un altro si chiama in un altro modo, dimmelo tu un nome.
Francese - suggerii.
Ecco: francese, o tedesco o americano o altro. Ma anche lui, se è un ragazzo, ha un padre che lavora per mantenere la famiglia, e una mamma che gli vuole bene, anche lui se non mangia a sufficienza ha fame, anche lui rispetta gli animali.
Come te anche lui va a scuola, e forse anche a lui insegnano che in un certo posto
ci sono dei nemici e uno di quei nemici potresti essere tu.
Esclamai:
lo? lo non sono nemico di nessuno.
Sono loro che sono nemici dell'Italia!
E l'Italia che cos'è? - disse il papà.
Sei tu, sono io e la mamma, gli amici tuoi e miei, la gente che lavora e vuoI vivere in
pace. Invece ci insegnano che c'è un nemico da ammazzare e quando scoppia la
guerra ti mandano ad ammazzarlo.
Ma io non ci vado!
Non si può; - disse mio padre - se non vai, uccidono te.
lo, confuso, stetti zitto e lo seguii pensando.


7 commenti:

Grazie per essere passato a dire la tua :)