la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

domenica 3 maggio 2015

La festa (dei potenti) del lavoro (volontario)

Sono in tempo a parlare di lavoro anche se il Primo Maggio era l'altro ieri? Faccio in tempo a esprimere tutta la mia indignazione, la rabbia, tutto il mio disgusto e il mio sconforto per i contratti di schiavitù che garantiranno il funzionamento di quell'immenso spreco di soldi che è l'Expo?
 Certo forse rischio di andare fuori tema, visto che, parlando di Expo, non si parla solo di lavoratori ma anche e soprattutto di volontari. Di qualcosa come 16.000 volontari. Ma come diamine può venire in mente e a chi di cercare dei volontari per una kermesse sponsorizzata da giganti stramiliardari come McDonald, Coca cola e Nestlè?! Con quale faccia di corno si sfrutta il tempo e il sudore delle persone non per prestare opera presso un'organizzazione non profit, non per pulire le spiagge o per rimettere in piedi le zone alluvionate ma per far guadagnare soldi a chi di soldi ne ha in quantità incalcolabili? O forse han speso tutto in pubblicità e tangenti? Cosicchè si son ricordati all'ultimo di aggiungere al business plan la voce "manodopera", e meno male che il grande tema è il cibo, così almeno il pasto a questi schiavi volontari riescono a garantirlo, che se no si dovevano pure portare la schiscetta da casa.
E infine, con quale macabra ironia si fa passare questa becera mossa come "protagonismo della società civile"?
No, va beh ma mica pretendevano tutti volontari eh! Ci mancherebbe! Ci sono anche gli interinali che, per 500 euro al mese da cui devono detrarre anche i costi di trasporto (chè se il treno lo prendi per andare a spender soldi all'Expo lo sconto te lo fanno, ma se invece lo prendi perchè i soldi a Expo glieli vai a ciucciare, il treno te lo paghi da solo), lavoreranno 6 giorni alla settimana per 6 mesi. Sei mesi e basta, mi raccomando non farsi illusioni e anzi, in quel giorno libero, iniziare a guardarsi intorno alla ricerca di un nuovo contratto di sfruttamento lavoro.

16 commenti:

  1. La cosa più stomachevole è stato il moralismo di quei privilegiati giornalistucoli che dal loro privilegiato pulpito si sono messi a (mal) giudicare gente che dopo aver scoperto che fra trasporti e pasti avrebbe faticato ad andare in pari ha giustamente deciso di rifiutare il lavhorror.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che si sa, se uno le cose non le conosce (potrebbe approfondirle) farebbe sempre meglio a stare zitto. Ecco, lavhorror rende l'idea e tu ti dimostri sempre un gran bravo paroliere!

      Elimina
    2. Proprio così, scandaloso il Corriere con quell'articoletto benpensante che strillava "I giovani non hanno voglia di lavorare! Bamboccioni!"

      Elimina
    3. Questa secondo me è l'offesa peggiore che si possa fare a una persona in cerca di lavoro.

      Elimina
  2. Ciò che mi lascia stupita non è tanto il fatto che una ricca multinazionale sia più che contenta di trovare qualcuno che lavora gratis per lei, ma che ci sia qualcuno disposto a farlo, contento di farlo.
    Chissà forse un bisogno di poter dire io c'ero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contento chissà...Comunque sai, se non lavori da un po' ti attacchi a tutto e magari ti fa piacere renderti utile e tenerti occupato, anche gratis! E magari sono persone senza nessuna coscienza politica e sociale, che quindi non si rendono conto di essere sfruttate ma piuttosto, come dici tu, sono contenta di fare questa esperienza. Che tristezza infinita!

      Elimina
  3. Il capitalismo-neoliberista ha azzerato ogni "tabù" e ogni "innocenza"; si lavora:
    nei giorni festivi, di notte, senza limiti di orario, durante la gravidanza, senza salario, senza sicurezza, senza il diritto alla malattia, a cottimo, per caporalato...
    A faccia di corno, aggiugo: arrogante e impunito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la cosa agghiacciante è che tutto quello che hai menzionato è considerato normale.

      Elimina
  4. Penso che dietro queste grandi marche di cibo di pessima qualità (che "governano" i governi e che ci impongono roba bella come il TTIP- che un anno fa in campagna elettorale pro Tsipras non interessava a nessuno..)ci siano fior fiori di sociologi e studiosi di marketing (ma va?!) e hanno capito che una buona porzione di popolazione italiana può fare qualsiasi cosa nel nome dell'Illusione, male n° di noi italiani, e vuoi vedere che mentre tutti brontolano e si indignano all'Expo ci saranno i volontari e gli pseudo-lavoratori previsti?!?
    Poi l'Expo è utilissimo...
    Tanta terra fertile in meno, che si sa...sporca..
    Tanti rifiuti della camorra (e qualche bidone tossico made in france) finalmente accasato...
    e noi qui a brontolare!

    RispondiElimina
  5. che tristezza infinita questo mondo marcio

    RispondiElimina
  6. col volontariato c'è gente che ci guadagna e non poco

    RispondiElimina
  7. Io non correi sbilanciarmi ma sento vergogna

    RispondiElimina
  8. e solita ennesima morale sui giovani bamboccioni e su chi rifiuta il lavoro!!!
    L'anno scorso mio figlio ha lavorato per tre mesi per una società a caccia di contratti. 6 giorni su 7, 12 ore al giorni, a 400 euro al mese, senza alcun rimborso spese, autobus, treno, benzina ecc......E viveva ancora qua con me, quindi...vitto e alloggio assicurati...ma tornava la sera talmente deluso e demotivato che ha preferito, per la stessa cifra e lo stesso orario, lavorare per una onlus che si occupa di anziani disabili: almeno dava un senso al suo tempo! Altro che bamboccioni! Sembra che ormai un qualsiasi lavoro sia un regalo, anzichè un diritto!. Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, questo è uno dei punti cruciali: avere un lavoro è come vincere alla lotteria, come dici tu è un regalo e quindi come si dice, a caval donato non si guarda in bocca, ossia accontentati di farti sfruttare fino all'osso per due spicci e non ti lamentare.

      Elimina
  9. Conosco persone in Toscana che avevano fatto il colloquio di lavoro per Expo e sono state chiamate a lavorare una settimana prima dell'inaugurazione... Come lo trovi un appartamento in affitto a Milano in una settimana e con cosa campi se con lo stipendio dell'Expo non copri nemmeno le spese dell'affitto? Temo davvero che l'Expo di Milano diventi per l'Italia quello che sono state le Olimpiadi di Atene del 2004 per la Grecia... l'inizio della fine...

    p.s. Magari non te ne importa niente ma ho nominato il tuo blog per il Liebster Award 4.0. https://unpodimondo.wordpress.com/2015/05/05/tantissime-grazie-a-tatiana-di-green-tea-for-breakfast-per-il-liebster-award-4-0

    p.s. Se il commento arrivasse due volte cancellalo pure ma ho dei problemi a commentare da Wordpress. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora: benvenuto da queste parti! Grazie per il pensiero, verrò subito a ringraziare anche da te, riguardo al contenuto del tuo commento...non ci sono altre parole da aggiungere purtroppo.

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)