la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

martedì 18 settembre 2012

Il sindaco ecologista

Ieri mi è capitato di leggere una notizia di qualche giorno fa; mi ha fatto sorridere sia per gli intenti che per le modalità di questo sindaco, e quindi ve la voglio segnalare.
Tale Dimitri Bugini, sindaco di Lurano, comune di poco meno di 3000 anime in provincia di Bergamo, ha identificato tramite la videosorveglianza dell'isola ecologica comunale una coppia di residenti che hanno abbandonato FUORI dall'isola tre sacchi di immondizia varia e una piscina gonfiabile bucata.
Il sindaco ha quindi coinvolto la polizia municipale, con la quale ha esaminato le registrazioni delle telecamere e, attraverso la targa dell'auto, è risalito ai coniugi, che sono stati convocati nel suo ufficio.
All'appuntamento non si è presentato nessuno, ma questo non ha fermato il tenace sindaco, il quale ha mandato un motocarro di servizio a caricare i tre sacchi di rifiuti più la piscinetta e li ha rispediti al mittente, dove si è recato anche lui con una multa di 60 euro e un omaggio per i padroni di casa (che stile!): il kit comunale per la raccolta differenziata, composto da due contenitori, dei sacchi, un paio di guanti e l'opuscolo che spiega come devono essere differenziati i rifiuti.

Cosa aggiungere in commento? Bravo! Ma sia chiaro, il mio "bravo" non è mosso certo da un sentimento di vendetta o di sete di giustizia (ammettetelo però che anche a voi è spuntato un sorrisetto malefico a immaginare tutti 'sti rifiuti davanti alla porta della villa, più la multa, più il simpatico omaggio!).
Il mio "bravo" è per un sindaco che, almeno rispetto a quest'argomento, che è l'unico per cui lo conosciamo, sa fare il sindaco. Non so neanche se sia un sindaco di destra o di sinistra e nemmeno mi interessa, c'è così tanto scollamento tra l'ideologia e la (spesso cattiva) pratica di fare politica che non ha alcun senso chiedersi con quale lista quest'uomo sia finito a governare il suo comune.
Semplicemente ha a cuore una questione che dovrebbe stare a cuore a tutti i politici, concretamente, non come argomento da campagna elettorale, che tanto si sa che a farti credere ecologista crei consenso. Il signor Bagini sembra crederci davvero all'urgenza di fare qualcosa per cercare di trattare un po' meglio il pianeta e si spende personalmente per ottenere dei risultati.
E questa, insieme alla giunta che si è ridotta lo stipendio, è l'ennesima dimostrazione che, anche se l'Italia sta crollando sotto i pugni di un manipolo di banchieri e di corrotti, degli scorci di buona politica si intravedono e, quasi sempre, arrivano dal basso.
E quindi, bravo signor sindaco, che altri amministratori locali possano prendere esempio da lei.

10 commenti:

  1. Spesso nelle persone più o meno anziane non c'è la sensibilità ai problemi dell'ecologia; tra l'altro il problema dello smaltimento rifiuti è relativamente recente...comunque se la sensibilità non si crea a scuola o in famiglia, ben vengano le multe educative e le azioni esemplari! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Patty, in effetti la generazione dei cinquanta-sessantenni è la figlia del boom economico, quella che è cresciuta nell'usa e getta, nell'uso sconsiderato della plastica e nell'idea (indotta) che le risorse fossero infinite. Come dici tu, il discorso "ecologico" è relativamente recente e spesso le novità non sono facili da digerire per le persone più anziane. E anche sul ruolo di scuola e famiglia mi trovi d'accordo in pieno!

      Elimina
  2. E bravo al sindaco! C'è da dire che molti comuni della bergamasca sono considerati i ricicloni d'Italia. La raccolta avviene per la maggior parte porta a porta, e se il sacco di plastica/carta/umido/secco non segue le direttive viene lasciato dov'è con tanto di avviso! Forse bisognerebbe fare qualcosa di più per le piazzole della circonvallazione, ormai divenute discariche abusive!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora è proprio tutta la zona che è virtuosa! Questo mi fa piacere, sarebbe bello si diffondesse ancor di più, anche perchè credo che debba essere un lavoro condiviso: da una parte le amministrazioni comunali dovrebbero utilizzare dei metodi opportuni (come il porta a porta, per esempio) e dall'altra le persone dovrebbero essere educate, sensibilizzate e collaborative.
      Grazie Laura per il tuo contributo :)

      Elimina
  3. Ha davvero fatto un gesto molto significativo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me, e secondo me ce n'è un gran bisogno di gesti così!

      Elimina
  4. Finalmente una bella notizia! Spesso gli esempi di civiltà e buona politica si manifestano a livello locale mentre a Roma si continua con il solito magna-magna. Nei comuni ognuno fa quel che può e a volte si ha la fortuna di assistere a veri propri cambiamenti. Dopo anni di assopimento Milano si è risvegliata grazie al nuovo sindaco. Abbiamo da poco iniziato a fare la raccolta differenziata dell'umido, sono in progetto nuove piste ciclabili e sono aperte le liste per le unioni civili.
    Che dire, schieramenti a parte c'è chi ancora ci crede davvero in un modo diverso di fare politica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì credo anch'io che la vera politica, in Italia, si riesca a fare, almeno allo stato attuale, solo a livello locale, forse perchè si ha un riscontro più immediato, un confronto maggiore con la popolazione e quindi un maggior senso di responsabilità verso questa. In parlamento mi pare che siamo ancora lontanissimi da tutto questo...

      Elimina
  5. Devo dire che la storia mi ha rallegrato!
    ciao

    RispondiElimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)