la citazione del momento

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".
Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza

lunedì 23 gennaio 2017

Luciano Canfora dixit

Il riciclaggio del denaro "sporco" rappresenta ormai il contesto ideale per lo sfruttamento intensivo e lucroso delle nuove forme di schiavitù. Il culto feticistico del profitto, o meglio del denaro che produce sempre più denaro, è giunto al suo criminogeno apogeo. Ed è tragicomico vedere e ascoltare il personale politico che amministra i Paesi in cui tutto questo è consentito pontificare ipocritamente sulla tutela, in casa d'altri, dei "diritti umani".

...resta in piedi invece la sua (di Marx) geniale intuizione di fondo: che il capitalismo è quel titanico stregone il quale, unificando il pianeta nel nome e nel segno del profitto, ha suscitato e scatenato forze che non sa e non può più dominare. Ma queste forze non sono soltanto le ribellioni delle classi oppresse, le quali sono ormai abbagliate soprattutto da follie palingenetiche a base religiosa, sono le ferite irreparabili inflitte al pianeta, avviato al disastro bio-ambientale perchè lo "stregone" non intende arretrare rispetto alle sue scelte miopi e devastanti. [...] Questa macchina infernale non può autocorreggersi se non negando il primum movens che invece ha posto sopra ogni altro valore: il profitto a qualsiasi prezzo e a qualsiasi rischio, anche quello di fare affari vendendo armi a chi le adopera per colpire all'impazzata nel cuore del mondo ricco.

Luciano Canfora - La schiavitù del capitale - Laterza


Sono in letargico invernale silenzio stampa, quando non lavoro mi rannicchio, guardo film, sperimento mangini, faccio conserve e leggo tanto. Buona settimana a voi!

24 commenti:

  1. leggere leggere e ancora leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto mi riguarda la annovero tra le funzioni vitali :)

      Elimina
  2. Sembra sentir parlare di cose assurde... poi andiamo a comprare le arance a 0.99 in uno dei mille negozietti gestiti da manodopera sottopagata che riciclano di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È per questo che mi piace guardare in faccia i contadini che mi vendono ciò che coltivano, anche se non me lo vendono a 0,99, e che non compro nelle catene di abbigliamento. Le persone dovrebbero chiedersi chi ha pagato e in che termini quel che loro stanno risparmiando. Grazie Franco per il tuo commento.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Il profitto estremo a beneficio di una minoranza oramai risicata sta annientando il pianeta. Il problema che di fronte a questa evidenza che dovrebbe provocare "reazioni di classe" o come preferisco chiamarle io rivolte della gente, ecco che si è instillata la rincorsa al superfluo a qualunque costo pur di riuscire a sentirsi "fintamente" ricchi per un giorno. Rincorsa all'ultimo smartphone per esempio, ecc… e quindi una guerra tra poveri che ovviamente non interessa il contadino o l'ultima ruota del carro, ma tutte le realtà intermedie, povere, ugualmente sfruttate, ma illuse di avere una vita. Bello il tuo blog io arrivo dall'alligatore e sono felicemente capitato qui per caso. Mi permetto di linkarti per venirti a trovare più spesso tempo permettendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto da queste parti Daniele! Il tuo commento, di cui condivido ogni parola, è la perfetta appendice al post, grazie per averlo lasciato :)

      Elimina
  4. Peccato che per molti la scelta sia comprare le arance a 0,99 o non comprarle affatto perchè i salari sono quel che sono e gli stipendi sono forse peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non sono molto d'accordo Vera su questa faccenda. I prezzi spesso non sono così diversi e credo che pagare un kilo di zucchine 0,99 o 3 euro non incida sul proprio budget quanto incide sulla propria salute, su quella del pianeta o, per restare in tema, sull'economia e sulla società. E te lo dice una che campa di vegetali e guadagna meno di mille euro al mese :)

      Elimina
    2. Cri, concordo con la tua riflessione.

      Elimina
    3. Sto iniziando a seguirti.
      Credo di esser d'accordo con voi, è questione di scelte, ho conoscenti che guadagnano poco e scelgono. Si, va bene rinunciano ad altro.

      Elimina
    4. Sì, forse questioni di priorità! Benvenuto da queste parti :)

      Elimina
    5. Purtroppo quel 0,99 ben spiega come nell'immaginario collettivo si dia vita al feticcio del Risparmio. Ovvio che si possa spendere di più guadagnando in salute e senza andare in bancarotta. Ma quel 0.99 sembra far arricchire le vecchiette, quelli che si fanno condizionare, e pure gente che dovrebbe starci di più con la testa. E' un richiamo ancestrale quello del Risparmio. Anche di un centesimo...

      Elimina
    6. E viene spesso utilizzato come meccanismo per indurre a comprare ciò che altrimenti non comprerebbero. Questo oggetto è in sconto, ma mi serve? No ma approfitto dello sconto, sai mai..

      Elimina
  5. Anch'io ho voglia di ritirarmi a leggere, anzi, ora strappo qualche minuto di pausa e mi leggo un paio di paginette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che il tempo se si cerca c'è?

      Elimina
  6. Canfora è da sempre un lucido intellettuale, e io, come lui, credo che Marx sia ancora molto utile per interpretare e magari (pensare) di trasformare il presente.
    p.s.
    ... mangini? Forse volevi dire mangimi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, no volevo proprio dire mangini, deve essere pisano (come mangiari o mangiarini) perché mi sa che appartiene all'inquinamento linguistico che subisco in casa :D

      Elimina
  7. Lo seguo da anni, credo anche io che Marx non debba essere dimenticato. La questione produttiva è da sempre intrecciata con quella ecologica. Bel post Cri!

    RispondiElimina
  8. Leggere e chiamare le cose con il loro nome.
    Buon letargo invernale.

    RispondiElimina
  9. Leggo anch'io, ma non sono in letargo.
    La cosa peggiore è essere schiavi e non accorgersi di esserlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, vaglielo a spiegare il concetto di schiavitù volontaria.
      Purtroppo in letargo vero non ci posso andare, ma concettualmente ci sto, non riesco mai a fare granché in inverno se non aspettare primavera :)

      Elimina

Grazie per essere passato a dire la tua :)